istituzioni

SETTIMA  MUNICIPALITA'

Quartieri omogenei, peso demografico differente

Il territorio della Settima Municipalità di Napoli comprende tre quartieri ( Secondigliano, Miano e S. Pietro a Patierno) per molti versi simili, soprattutto per quanto concerne la storia, l'urbanistica, l'economia, la religiosità e la laboriosità, ma con un diverso peso demografico. Secondigliano, infatti, rapprsenta da solo circa il 50% della popolazione, mentre l'altra metà appartiere per due terzi a Miano e per un terzo a S. Pietro a Patierno.

Dopo due consiliature gestite da amministrazioni di centrodestra (il Comune di Napoli era retto da una Giunta "arancione"), alle ultime amministrative è stata eletta una amministrazione con unba coalizione in linea con quella che ha portato alla elezione del sindaco.

Scuola, cultura e legalità 

           Le linee programmatiche del presidente della Settima Municipalità

Antonio Troiano, incontrando i nostri piccoli redattori, illustra il programma che la sua Amministrazione intende portare avanti nel prossimo quinquennio per cominciare a dare una svolta alla immagine e alla vivibilità del territorio. Al centro la scuola, che deve essere il cardine fondamentale per la formazione dei giovani abitanti, una scuola che deve funzionare sempre e bene.


La scuola, centralità della nostra azione

     La scuola sarà al centro della programmazione della Settima Municipalità. Lo conferma il presidente Antonio Troiano, il quale sottolinea, più volte nel corso dell'incontro con la nostra redazione, che "vogliamo una scuola che sia in grado sempre di preparare al meglio i nostri ragazzi, che abbia  strutture adeguate e sia in grado di funzionare sempre". A questo proposito, sottolinea che saranno posti in essere tutti i mezzi per reperire siti e locali che consentano alle scuole del territorio di offrire un adeguato ventaglio di offerte agli studenti. "Soprattutto - aggiunge - di concerto con la consulta dei Presidenti delle Municipalità - stiamo lavorando alla istituzione di un Piano di interventi per la scuola, una sorta di forza di pronto intervento "che ci consenta di far fronte con urgenza laddove si presentino problemi che possa compromettere l'agibilità di aule e strutture e operare perché le situazioni di disagio siano ripristinate nel più breve tempo possibile. Vogliamo evitare che le scuole restino chiuse anche un solo giorno perché si è rotto un rubinetto o un vetro o vi sono infiltrazioni di acqua in qualche locale". Vogliamo una scuola che sia in grado di far crescere bene i nostri ragazzi. Nei limiti delle nostre competenze, poi cercheremo di reperire anche nuovi siti e locali che ci consentano di ampliare l'offerta formativa.

Il discorso, poi, scivola sulla carenza di scuole secondarie di secondo grado nel quartiere e nell'intera Municipalità.

- Per quale motivo non vi sono scuole superiori sul nostro gterritorio?

-"La questione  riguarda precisamente me e la Settima Municipalità , è materia delle istituzioni regionali regionali, ma mi sento comunque di dare una risposta. A secondigliano abbiamo una sola. scuola pubblica superiore la. Vittorio Veneto , l'idea di aprire una scuola superiore deve partire innanzitutto dai cittadini con una petizione che deve essere mandata agli enti regionali che poi la mandano al ministero. Per quanto mi riguarda, farò con i Dirigenti scolastici delle Secondarie di primo grado uni screening ndelle iscrizioni alle superiori per il prossimo anno scolastico, valuteremo il flusso degli studenti che si muoveràverso algtre zone per poter andare a scuola e se sussistono le possibilità di istituire un liceo nel nostro territorio. Partiremo da qui per dare delle risposte soprattuto a voi giovani.







Mancano le strutture per gli anziani

- Come mai ,nonostante la nostra municipalità sia molto abitata, non vi è un centro di assistenza per anziani?

- "La tua domanda è molto interessante, tra i nostri piani vi è anche questo , costruire un centro di assistenza, ma, purtroppo, non avendo fondi necessari, purtroppo non sappiamo se è possibile svilupparla attualmente.. Rientra nei nostri piani, ora che tu me ne hai parlato farò certo il possibile per realizzarla.", apre il taccuino, prende una penna, appunta ciò che ci siamo detti".

Biblioteche
Noi ragazzi abbiamo difficoltà a raggiungere la biblioteca del nostro quartiere e a poter consultare i volumi.  Farete qualcosa per venirci incontro?

Stiamo valutando di apportare una modifica al percorso   dei minibus per agevolare i ragazzi che abitano lontano. Valuteremo la possibilità di fare avere i volumi anche in assenza dei genitori.

Più in generale stiamo valutando l' ipotesi di recuperare un sito a San Pietro in cui realizzare una struttura culturale multimediale che possa essere utilizzata sia dai giovani che dagli anziani. 

anziani e interventi nel sociale

 come mai non ci sono centri d'assistenza per gli anziani, nonostante la nostra municipalità sia molto abitata?

Viabilità e sicurezza

Ci stiamo già muovendo. Abbiamo ricevuto qualche unità di polizia municipale in più e anche un carro attrezzi per prelevare le auto in divieto di sosta e quelle che occupano i posti per disabili e i marciapiedi. La sicurezza è una delle nostre priorità e metteremo subito in campo le forze aggiuntive per dare risposte immediate. Però è anche un problema di educazione civica. Vedo ogni giorno persone che guidano con il cellulare in mano,.

Stiamo aumentando giá i controlli di sicurezza stradali per evitare danni e stiamo anche aumentando i carri attrezzi per le macchine messe in seconda o addirittura in terza fila però non possiamo aumentare il costo delle multe perchè noi non le amministriamo però stiamo anche aumentano i segnali stradali da rispettare e anche i dossi per evitare che si superino i  limiti di velocità e si verifichino meno incidenti.



Secondigliano è un quartiere molto popoloso, eppure non c'è un cinema. non ci sono teatri, nè auditorium ed è praticamente impossibile svolgere attività culturali....

Questo, in realtà, non è un problema che coinvolge direttamente le funzioni delle amministrazioni pubbliche. Sono strutture generalmente gestite da privati che operano dove hanno un ritorno economico.. Intanto quelle che possiamo fare nel breve periodo è cercare di recuperare quella struttura di S. Pietro di cui vi ho parlato e farne un centro multiculturale


Troiano: una vita per il sociale e la politica

- Quando ha scoperto di avere la passione per la politica?

"Sono nato e cresciuto qui e mi sono sempre attivato per il territorio che mi appartiene,,per l'associazionismo e la democrazia partecipata. Lavoreremo ancora per la tutela del verde e per lo sport. Ragazzi appassionatevi al territorio in cui vivete.

- Come si svolge la vostra giornata lavorativa?

Comincio alle 8:15 nella sede di San Pietro; poi mi occupo delle questioni urgenti e ho incontri istituzionali per tutta la giornata. Tre o quattro volte a settimana ho incontri al Comune.

- com'è al giorno d'oggi ricoprire un incarico politico?

È un compito  molto difficile perché richiede tempo , competenze e spirito di sacrificio.




I mini sondaggi

Alla gente piace una piazza con il verde e il corso principale con i cordoli a centro strada

Agli abitanti di Secondigliano piace Piazza Giuseppe Di Vittorio (nota come Piazza Capodichino) come era con il verde all'interno nell'aeroporto e vedrebbero di buon occhio la risistemazione di un cordolo spartitraffico al centro del Corso Secondigliano. E' quanto emerge da un minisondaggio che come Gazzetta degli Alfieri abbiamo condotto intervistando i passanti e i commercianti su entrambi i lati del Corso Secondigliano tra Piazza  Giuseppe Di Vittorio e l'angolo di Via Cosimo Luciano. 

Agli intervistati sono state sottoposte tre foto della Piazza (quella storica con il monumento di probabile origine romana al centro, Quella recente con il viadotto della perimetrale che la lambisce dall'alto, quella intermedia con ancora tanto verde nell'angolo dell'area aeroportuale che la lambisce) e su si Corso Secondigliano (una con lo spartitraffico e. l'altra senza). Il 51,5% degli intervistati preferisce la Piazza Con la zona a verde dell'aeroporto; quella storica ha ricevuto il 28,03 dei consensi e quella con il cavalcavia il 20,5%..

 Per quanto concerne il Corso Secndigliano, la maggioranza (58%) preferirebbe il ritorno dello spartitraffico per garantire maggiore sicurezza negli attraversamenti; il 42% si è espresso favorevole alla attuale sistemazioen della sede stradale.

Crea il tuo sito web gratis!